VENEZIA75 – La ‘nuova carne’ della 33. Settimana Internazionale della Critica

23 luglio 2018

Gloria e vita alla nuova carne!”

Videodrome di David Cronenberg (1983)

È significativo che, proprio nell’anno in cui la Biennale di Venezia conferirà il Leone d’Oro alla Carriera al grandissimo David Cronenberg, la Settimana Internazionale della Critica – sezione autonoma e parallela organizzata dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI) nell’ambito della Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia (29 agosto – 8 settembre) ed interamente dedicata agli esordi – giunta alla sua 33ma edizione, scelga di dedicare tanto spazio al cinema di genere ed in particolare all’horror. Horror che da sempre è principe – insegna Cronenberg – ove si tratti di far confluire paure, pulsioni, ossessioni, contraddizioni e naturali metafore tematiche.

In questa direzione vanno sicuramente i film di apertura e chiusura nonché M, film d’esordio della popstar finlandese Anna Eriksson (mezzo milione di dischi venduti). Un visionario horror performativo, esplorazione tra sessualità e morte che il delegato Giona A. Nazzaro ha definito “Il film più radicale di tutta la selezione”. Da non perdere insomma!

33.SIC-M-5

Ad aprire la sezione parallela, fuori concorso, c’è il fantasy indiano Tumbbad di Rahi Anil Barve e Adesh Prasad, parabola sulla cupidigia, che, spiega ancora Nazzaro, “viaggia alla velocità di un racconto di Emilio Salgari filmato da Spielberg“. Tra effetti speciali e sangue, modernità e tradizione offre una riflessione politica sui rapporti fra il continente indiano, il mondo occidentale e le contraddizioni post-coloniali.

B001_C008_1105TM

In chiusura, invece, sempre fuori concorso, l’horror Dachra del tunisino Abdelhamid Bouchnak. La protagonista Yassmine, studentessa di giornalismo, cerca insieme agli amici Walid e Bilel di venire a capo di un misterioso crimine accaduto più di 25 anni prima, quando una donna fu ritrovata mutilata e quasi morta in mezzo al nulla.

33-sic-dachra-6.png

Al principio di (ir)realtà del discorso dominante opponiamo il principio della discontinuità, del piacere, dello smarrimento, della sensualità, del rischio, dello sconosciuto e dell’ignoto. Opporre a quanti alzano steccati invocando identità limitanti tutte le possibilità che il cinema – e il mondo, e il corpo – ancora offre“. Giona A. Nazzaro

Non manca la commedia. A partire dall’unico film italiano della selezione competitiva: Saremo giovani e bellissimi di Letizia Lamartire, trentenne laureata al Conservatorio, dopo il corto Piccole italiane presentato l’anno scorso nell’ambito della Sic. Film su una cantante, interpretata da Barbora Bobulova, e suo figlio, grandi amici e partner sulla scena , uniti da una relazione simbiotica che è diventata però anche una gabbia.

33-sic-saremo-giovani-e-bellissimi-5.jpg

Abbiamo poi la commedia anarchica Bêtes Blondes di Alexia Walther e Maxime Matray. Protagonista l’ex star di una sitcom in un viaggio surreale. I due registi hanno firmato il cortometraggio Twist, vincitore del Grand Prix al festival internazionale Entrevues Belfort. 

33.SIC-BETES BLONDES-2

Ed è una solare commedia degli equivoci strappata agli orrori della guerra civile in Sudan, A Kasha di Hajooj Kuka, regista sudanese, classe 1976. La Kasha è una retata che serve ad arrestare i soldati sfaticati che mancano all’appello. Il film racconta di un eroe di guerra in licenza che per stare con la fidanzata tarda a rientrare nell’unità militare e si trova nei guai.

33-sic-a-kasha-1.jpg

Il Montenegro fa il suo esordio alla SIC con You Have the Night di Ivan Salatic, dolente poema sulla scomparsa di un mondo.

33-sic-you-have-the-night-3-e1532383938961.jpg

Completano la selezione il tedesco Adam und Evelyn di Andreas Goldstein, romanzo di formazione sentimentale all’ombra della caduta del muro di Berlino, ed il documentario Still Recording di Saaed Al Batal e Ghiath Ayoub, sguardo inedito, dall’interno, dell’inferno della guerra siriana.

MV

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...